.
Annunci online

eta-beta
una vita in bilico

PFFUI..!!!!
..sono nato nel 1947 ed il mio nome è Eega Beeva .
Vengo dal centro della Terra ma vivo nell'anno 2447, mi muovo nel tempo e nello spazio..ma non posso portare nessuno con me!
Escluso
FLIP! (per meglio dire PFLIP infatti davanti alle consonanti ho il vezzo di anteporre la "P" !!!!!!!) un quasi-cane dotato di lingua prensile che in caso di pericolo cambia colore e avverte "a fiuto" la menzogna. 
Odio il denaro, amo mangiare naftalina, porto un gonnellino-marsupio che contiene ogni possibile oggetto ed amo dormire in bilico sui pomi del letto !!!





Laicità e Civismo







DIARI
2 dicembre 2007
Tornai

 Il viaggio è lungo. Partiamo verso Bari per andar per mare fino al Dodecanneso. Il cielo è scuro,la pioggia e il vento ci accompagneranno fino a Patmos. Il mare d'inverno è bello e minaccioso.
Due giorni dopo l'Italia è ormai lontana anche nel nostro pensiero e, all'alba, eccola, la mistica e austera Gerusalemme dell'Egeo, ultimo baluardo cristiano posto a difesa dalla temibile avanzata dell'Islam.


Come un guardiano, il nero monastero di San Giovanni Teologo, costruito nell'anno 1088 d.c., accoglie una manciata di viaggiatori che hanno osato sfidare l'incazzato Egeo.
Piove sempre e il porto di Skala senza  l'estiva occupazione dei motorini, dei turisti e delle botteghe di souvenirs è bellissima. 
I Patmioti ci guardano con malcelata curiosità. Sull'isola non ci sono stranieri ma ci accolgono con affetto ed in un piccolo bar consumiamo una frugale colazione.
L'isola di cui si innamorò la Dea Artemide e dove si rifugiò Oreste, per sfuggire le Erinni, dopo l'assassinio della madre Clitennestra, accolse anche l'Apostolo Giovanni che, qui, scrisse il sacro libro dell'Apocalisse.
Qui giungemmo poveri atei miscredenti e il tempo ritrovò il mistero.
Il sole non tarda ed apre un cielo azzurro e pulito e il mare dopo tanta fatica si riposa calmo, limpido e tranquillo.
Le poche taverne aperte offrono il loro cibo invernale, essenziale e squisito e il vociare italo-franco-tedesco-spagnolo è lontano.


Le persone camminano piano, si incontrano, si parlano, sorridono.
Qualcuno ripara al sole grandi reti, le barche colorate sono in secca e qualcuno approfitta del bel tempo per uscire in cerca di buon pesce.

Un pezzetto di anima è rimasta lì...e lì ho comprato un piccolo rifugio in riva al mare dove tornerò presto.
Kalà kimònas ( Buon inverno)

  
 




permalink | inviato da eta-beta il 2/12/2007 alle 19:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (45) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte