Blog: http://eta-beta.ilcannocchiale.it

..e se non passa?

Come fanno quei grandi e maestosi alberi con le chiome ampie e protettive che si ergono verso il cielo, anche io mi sono piegata all'incedere della tempesta per non spezzarmi, in silenzio, per passare inosservata, per non dare nell'occhio, per salvarmi.

Poi mi sono chiesta..e se non passa? Se il vento che trascina via gli uomini, che stordisce le coscienze, che attutisce l'orientamento, che rende vane le parole e impedisce l'ascolto non si fermasse più? Potresti peggiorare il tuo già precario rapporto con la cervicale e magari finiresti a camminare a quattro zampe per tutta la vita o ancora per ripararti dall'urto ti stenderesti a terra come morta col rischio di essere calpestata.

..e allora mi sono alzata perchè ho pensato che è sempre meglio rischiare.

P.S. un grazie a gians che ha aspettato che lo facessi!

Pubblicato il 13/10/2009 alle 15.13 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web